14,00

Titolo LIttle Tyke
Autore/i Westbeau Georges H. e Margaret
Argomenti "Grandi" animali
La relazione spirituale tra uomo-natura-animali
Collana Spirito Animale
Tipologia Libri
Codice ISBN

9788895946061

Data di pubblicazione

novembre 2009

Legatura

brossura

Nr. pagine

163, illustrato con 30 foto originali in b/n

Formato 21 x 14 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LIttle Tyke”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sinossi

Nata da una madre frustrata ed esasperata in una cupa giornata di settembre, la leonessa Little Tyke scampò alla morte poiché era destinata a una vita davvero speciale. Affidata alle cure di due amanti degli animali molto particolari – Georges Westbeau e sua moglie Margaret – e cresciuta in un vero “santuario per animali” ante litteram a cavallo tra gli anni 1940-50, essa sconvolse tutti coloro che vennero a contatto con lei e con la sua storia. La sua scelta vegetariana e il suo carattere mite stimolarono in molti profonde riflessioni, fecero sbocciare inaspettati sentimenti di tenerezza, e insinuarono il dubbio che forse la famosa profezia biblica del leone e dell’agnello non è solo una bella fantasia.

—————————————————————————————————————————————-

La storia di Little Tyke

A quattro anni di età, la leonessa africana Little Tyke pesava 160 kg, il suo corpo era lungo più di tre metri e poteva correre a più di 60 km/h. La sua testa, specializzata per uccidere e divorare le prede, era dotata di corte e potenti mascelle. Normalmente, una leonessa africana mangia gnu, gazzelle, impala e giraffe. Ma questa particolare leonessa aveva scelto uno stile di vita più gentile: quello vegetariano. E tuttavia mantenne un’ottima forma fisica e una buona salute.

Little Tyke leonessa con agnelloLa madre di Little Tyke, una leonessa prigioniera di uno zoo americano, aveva precendentemente ucciso tutti i cuccioli che aveva dato alla luce. Little Tyke si salvò per miracolo perchè la madre, dopo averla ferita a una zampa coi denti, la lanciò in direzione delle sbarre della gabbia, dove venne afferrata dal direttore dello zoo che osservava la scena. La piccola venne affidata alle cure di Georges e Margaret Westbeau, due amanti degli animali amici del direttore, che gestivano un vasto ranch pieno di ogni sorta di creature, spesso salvate da un destino infausto.

Nonostante le ferite e l’assenza di una madre, Little Tyke crebbe sana a forza di biberon, e quando venne il momento di svezzarla, tutti si aspettavano che iniziasse a mangiare carne. A tre mesi, Georges e Margaret le tolsero i suoi giocattoli di gomma e le offrirono ossa di manzo da masticare. Inaspettatamente, al solo odore delle ossa, la piccola vomitò.

Gli esperti dicevano che la leonessa non avrebbe potuto sopravvivere senza carne, così i Westbeau tentarono in ogni modo di convincerla. La leonessa rifiutava qualsiasi tipo di carne offerta palesemente, così provarono un cambiamento più graduale: inserirono alcune gocce di sangue nel latte del biberon, ma Little Tyke rifiutò di mangiare. Ridussero il numero delle gocce di sangue, fino addittura a una sola goccia, ma Little Tyke sempre rifiutò di mangiare.

Tentarono anche piccoli trucchi come mettere un po’ di latte su una mano e un po’ di latte mescolato a carne sull’altra, cambiando rapidamente mano mentre Little Tyke leccava. Ma quando le veniva proposta la mano con la carne, Little Tyke si voltava disgustata e impaurita.

Finché un giorno un uomo che era venuto a conoscere Little Tyke convinse i coniugi a rinunciare a ogni ulteriore tentativo dicendo: “Non leggete la Bibbia? Leggete Genesi 1:30 e troverete la vostra risposta”. Georges andò a leggersi quel passo della Bibbia: «”E a ogni animale della terra, a ogni uccello dei cieli e a tutto ciò che si muove sulla terra e ha in sé un soffio di vita, io do ogni erba verde per nutrimento.” E così fu».

Little Tyke leonessa con gattinoI pasti di Little Tyke consistevano di cereali misti, latte e uova, ma si rifiutava di mangiare se il pasto non le veniva servito insieme alla sua bambola di gomma preferita.

Little Tyke si affezionò in particolare ad alcuni animali della fattoria: Pinky e Imp, due gatti, Becky, un agnello, e Baby, una cerbiatta.

Date le sue peculiarità, Little Tyke divenne una celebrità. Comparve più volte in pubblico e una volta partecipò a uno spettacolo televisivo nazionale, per il quale vennero girate diverse scene in cui Little Tyke interagiva con una bambina, un gattino, e dei minuscoli pulcini, che leccò amorevolmente con la sua enorme lingua.

Con la sua dolcezza Little Tyke rammentò a molti le profezie bibliche che prevedono che un giorno non vi saranno più ostilità sulla Terra, neanche fra gli animali. Molti di coloro che l’hanno conosciuta hanno dichiarato che essa stranamente non incuteva paura, ma anzi, ispirava fiducia e tenerezza. Little Tyke tirò fuori il meglio da molte persone e i Westbeau, ogni volta che apparivano in pubblico, ricevevano centinaia di lettere commoventi.

Le numerose foto contenute nel libro mostrano Little Tyke accanto a pecore, cani, gatti, galline e cervi, in una felice convivenza. E le storie che i Westbeau raccontano sulla vita al ranch sono una lettura affascinante. Ma a parte il fascino e la straordinarietà dei racconti, il libro comunica quel profondo senso di “giustizia” evocato dalla non-violenza e dalla pace che regnano al ranch di Hidden Valley. Ci trasmette il senso che la relazione tra gli uomini e gli animali potrebbe – e dovrebbe – essere diversa da come è ora.

Ma affinché questo accada, uomini e donne devono cambiare il loro comportamento: è la ferocia del cuore umano a dover cambiare. Non dobbiamo aspettare che Dio trasformi gli animali “feroci” in qualcosa di diverso affinché essi possano vivere in pace e in armonia con l’umanità. E niente rende questo concetto più chiaro dell’insistenza di Little Tyke nel scegliere una dieta vegetariana.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LIttle Tyke”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libri della stessa collana

Articoli sugli argomenti trattati dal libro

donna con cane in natura

Il nuovo lavoro del cane: è solo compagnia?

/
A pensarci, il cane per noi è qualcosa di più di un semplice compagno. È una fonte inesauribile di affetto incondizionato, è una presenza affidabile e incrollabile, è un amico non giudicante a cui possiamo confidare tutto senza temere commenti sarcastici o consigli non richiesti...
donna e cane in montagna

Da padrone/proprietario/capobranco a custode/compagno di viaggio: un percorso pieno di scoperte

/
L’uomo ha sempre preso sottogamba la devozione del cane, interpretata un po’ come frutto della domesticazione, un po’ come ingenuità, un po’ come stupidità connaturata a una condizione inferiore. Certo, il cane non trova impedimenti al proprio amore incondizionato perché non si ritrova intralciato dalla nostra ingombrante mente razionale separativa ed egoista. Ma questo non è un buon motivo per sminuire ciò che da lui ci viene. E soprattutto, dovremmo stare attenti a prendere sottogamba le implicazioni della devozione canina.
uomo e donna su una panchina con cane

Il rapporto evolutivo uomo-animale - II parte

/
Nell’accogliere gli animali con noi abbiamo innanzitutto la responsabilità basilare di “annullare” quelle che nel regno animale sono le fonti principali di paura: - la paura di non trovare abbastanza cibo - la paura di non essere al sicuro Quindi, per cominciare, i nostri animali devono: - essere nutriti regolamente (con cibo di buona qualità) - essere ospitati in un ambiente sicuro in cui non vi siano elementi che li facciano temere per la propria incolumità
uomo e cane in un prato

Il rapporto evolutivo uomo-animale - premesse

/
Anche se non ci pensiamo o non ce ne rendiamo conto, le nostre idee sul mondo, sul significato della vita e su chi siamo noi (insomma, i “massimi sistemi”) influenzano totalmente il modo in cui viviamo il nostro quotidiano. Anche gli animali fanno parte della nostra visione, del nostro paradigma di vita. Se pensiamo che “dietro” ai nostri quattrozampe c’è un’anima in evoluzione non tanto diversa dalla nostra, solo magari in un momento diverso della propria evoluzione, il nostro modo di relazionarci con loro potrebbe cambiare.
disegno cucciolo cane e gatto

Un approccio sacro al processo di castrazione e sterilizzazione

/
Se approcciato in maniera sacra, il processo di castrazione/sterilizzazione diventa un processo alchemico che ha il potenziale di diventare l'elemento più profondo e importante nella relazione col vostro animale. Quando la sua sessualità viene elevata a una forma superiore e la sua totale energia è focalizzata su di voi e sulla vostra vita insieme a lui, avviene un matrimonio sacro: un matrimonio di energie per uno scopo comune. Se si contempla il pieno significato e simbolismo di tutto questo, esso ci appare splendido!
bambino e cane nero

Animali, compagni e maestri

/
L'artificioso stile di vita occidentale ha fatto sì che il nostro legame con gli animali sia diventato ormai quasi nullo. L'animale domestico è per molti l'unico vero legame non superficiale col mondo animale. Tuttavia, per quanto li amiamo, a pochi di noi salta in mente di chiedersi se il proprio cane o gatto abbiano qualcosa da dirci o insegnarci.
coniglietto e donna anziana

Guarire la relazione fra gli animali e l'umanità

/
Ogni specie animale porta, all'interno della propria coscienza collettiva, il ricordo di secoli di abusi sofferti a opera di esseri umani crudeli e insensibili. Alla luce di ciò, ogni volta che si incarnano gli animali sono chiamati a un gesto di grande coraggio. Eppure tornano e tornano di nuovo, dispensando su di noi ondate di misericordia; a meno che, naturalmente, non cancelliamo del tutto la loro specie dalla faccia della Terra, come abbiamo fatto con molti di essi. Fatta eccezione dei casi in cui, nel relazionarsi con l'umanità, il singolo animale abbia subito abusi così gravi da non riuscire ad elaborarli, ciascuno di essi continua a generare amore istante dopo istante, incessantemente.
Little Tyke con agnello

Il leone che giacque con l'agnello

/
Tempo fa, negli Stati Uniti del XX secolo, visse una leonessa che si rifiutò di essere violenta. Coloro che si occupavano di lei cercarono di educarla a comportarsi in un modo che ritenevano fosse dettato dalla natura, ma lei rifiutò. Invece, insegnò ai suoi custodi che l'idea che l'uomo ha di cosa sia un comportamento "naturale" in un animale, non corrisponde necessariamente con il modo in cui Dio creò gli animali.
famiglia di elefanti

In natura

/
Che ruolo svolgono gli animali selvatici sul pianeta oltre al ruolo ecologico più evidente? Hanno anche dei compiti spirituali? E quali sono? Cosa provano gli animali rispetto al modo in cui l'uomo di sta comportando sul pianeta? Quale è il ruolo degli uomini verso gli animali? E il regno vegetale? Le piante sono esseri senzienti? Sharon Callahan risponde a queste domande secondo la sua esperienza.