Cani vegetariani?

Articolo tratto dalla Newsletter di Canine Health Concern di Aprile 2011

cuccioli e vitello

Foto: Elena Grassi

Forse ricordate che qualche anno fa, un cane nutrito con una dieta vegetariana morì alla veneranda età di 21 anni, dimostrando così che alcuni cani possono vivere e prosperare senza mangiare carne. Il cane era un Collie, ed è possibile che i cani di questa particolare razza si siano evoluti nel tempo adattandosi al cibo che i loro proprietari agricoltori hanno offerto loro per generazioni.

Nel 2001, un rifugio per animali di Siegen, Germania, ha deciso di somministrare una dieta vegetariana ai cani ospitati. La decisione venne presa su basi etiche: la protezione degli animali non può essere limitata ad alcune specie. Il rifugio voleva fornire protezione a tutti gli animali senza eccezioni. Il loro ragionamento fu che non potevano ucciderne alcuni per nutrirne degli altri.

Il rifugio di Siegen ospita, oltre ai cani, polli, pecore, maiali e conigli. Tutti sono trattati e amati nello stesso modo.

Dal 2001, nel rifugio hanno goduto di una dieta vegetariana ben 1500 cani. Confrontando questi cani con quelli che in precedenza erano stati nutriti con cibi a base di carne, i cani vegetariani sembravano sani, erano in forma, e raramente soffrivano di diarrea. Prima della dieta vegetariana, dicono i responsabili del rifugio, i box puzzavano, mentre ora i cani vegetariani producono feci dall’odore piacevole.

Uno studio simile condotto dalla PETA [People for the Ethical Treatment of Animals, associazione statunitense, NdT] ha coinvolto 300 cani. La PETA ha scoperto che i cani che erano stati vegetariani o vegani per tutta la vita erano più sani di quelli che solo recentemente erano passati a questa dieta.

I cani che erano sempre stati vegetariani erano nelle migliori condizioni di salute. Nessuno dei cani che aveva trascorso più di quattro anni con una dieta vegana o più di cinque anni con una dieta vegetariana soffriva di malattie infettive. Nessuno di quelli che era stato vegano per più di cinque anni o vegetariano per più di cinque anni e mezzo soffriva di cancro.

Al cibo venivano aggiunti gli amminoacidi L-carnitina o taurina. Il dosaggio quotidiano era di 250mg di taurina e 250-500 mg di L-Carnitina per un cane di 20 kg. Venivano anche aggiunti lievito in fiocchi e aglio.

L’intera storia la potete leggere qui

Traduzione di Elena Grassi

Letture sull’argomento

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *