Georges H. Westbeau, un uomo comune per altri versi, condivideva con la moglie Margaret un amore profondo per gli animali. Conducevano un ranch con molta terra e natura a disposizione nello stato di Washington (USA), dove ospitavano animali di ogni genere. Non vi erano solo animali di fattoria, ma anche alcuni animali che un amico di famiglia, direttore di uno zoo, affidava loro perché le relative madri, stressate dalla vita in cattività, rifiutavano di prendersene cura.
Il motto dei Westbeau era “dove non c’è paura non può esserci ferocia”, ovvero chi cresce ricevendo amore incondizionato e in un ambiente pacifico, non conoscerà la paura e quindi non sentirà il bisogno di aggredire altri esseri, né per difendersi né per nutrirsi. La pacifica convivenza, presso il loro ranch, di animali tanto diversi che in teoria avrebbero dovuto mangiarsi l’un l’altro, è la dimostrazione che tutto ciò è realizzabile.